PDF Stampa E-mail
Scritto da Cinit   
Domenica 19 Luglio 2015 13:17

LA QUINTA EDIZIONE DI “TERRE DI CINEMA” ,IN PIENO SVOLGIMENTO A FORZA D’AGRO’ , VEDE IL CINIT CINEFORUM ITALIANO PARTNER DELLA MANIFESTAZIONE

 

 

E’ in pieno svolgimento sino al 27 luglio a Forza d’Agrò la V edizione di “Terre di Cinema – International Cinematographers Days” la kermesse cinematografica ideata e diretta da Vincenzo Condorelli. La manifestazione si snoda in due tronconi: nei primi dieci giorni (dal 13 al 22) sono in programma tre workshop specialistici (direttore di fotografia, regia, montaggio). Giovani aspiranti professionisti (cinque per settore) del cinema di domani, provenienti da ogni parte del mondo, stanno perfezionando la loro tecnica, guidati da maestri internazionali del settore (CineCampus). Alla fine dei lavori vedranno la luce altrettanti cortometraggi firmati dai giovani corsisti. Nella seconda parte della kermesse (22 – 27 luglio) sarà dato spazio alle proiezioni. Alle 20.00 di ciascuna serata, prevista nel complesso monumentale Agostiniano, si comincerà coi cortometraggi africani (African shorts Cinit Award) premiati dal CINIT - Cineforum Italiano del presidente Massimo Caminiti nel corso degli ultimi anni al Festival del Cinema Africano, dell'Asia e dell’America Latina organizzato dal C.O.E. a Milano. Le serate proseguiranno con l’omaggio al direttore della fotografia Peppino Rotunno, che ha lavorato coi più grandi registi del suo tempo (Visconti, Gilliam, Fellini, Rossellini, Monicelli, De Sica ecc.) con la proiezione in ciascuna serata di un lungometraggio in cui il grande direttore romano ha collaborato (fra questi “All that jazz” di Bob Fosse e “La Città delle donne” di Federico Fellini), e per finire la retrospettiva sul cinema indiano (New Cinematographers Award). La kermesse che oltre a voler veicolare il cinema di ogni continente, vuole essere la fucina di tutti i mestieri del cinema, in primis i direttori della fotografia, i registi, i montatori ma anche, e ciò lo vedremo nelle edizioni future, come ha tenuto a sottolineare il patron della manifestazione, per scenografi, costumisti, truccatori, hair stylists. Vincenzo Condorelli, ha voluto, nonostante le innumerevoli difficoltà di ogni genere che ha incontrato nella realizzazione dell’evento, mantenere fortemente il festival nelle terre della Val d’Agrò e nel distretto taorminese, luoghi di cui è innamorato e storicamente molto legati al mondo del cinema oltre che ricchi di bellezze naturali e paesaggistiche. La manifestazione si avvale quest’anno della fattiva collaborazione del CINIT-Cineforum Italiano che, oltre alla proposta dei corti africani, fornirà supporti di vario genere e premierà il cortometraggio, frutto del lavoro d’équipe, che più degli altri ha meglio valorizzato e rappresentato le terre di cinema siciliane. Fra gli ospiti del festival da segnalare gli attori Fabrizio Ferracane (“Anime Nere”) ed Enrico Lo Verso, i direttori della fotografia Manuel Alberto Claro e Nikos Andritsakis, l’ex top-model Sheetal Mallar, adesso fotografa, dei cui lavori sarà allestita una mostra, e numerosi altri. Fra gli appuntamenti collaterali di “Terre di Cinema”, che in sintesi può essere definita la principale manifestazione italiana dedicata specificamente all’immagine cinematografica e al lavoro dei suoi autori, vi sarà anche una mostra fotografica curata dall’ AFI 011 di Santa Teresa di Riva su “Terre e personaggi di Sicilia”; la stessa associazione di appassionati di fotografia curerà i backstage dei corti che verranno realizzati nel CineCampus.

 

TERRE DI CINEMA 1

 

 

 

 

TERRE DI CINEMA 2

 

 

 
PDF Stampa E-mail
Scritto da Cinit   
Venerdì 10 Luglio 2015 06:14

L'OTTAVO FILMFESTIVAL DEL GARDA ENTRA NEL VIVO CON LARASSEGNA FFG VERSUS EXPO VENERDÌ 10 LUGLIO CONL'APERICINEMA ALLA CANTINA PASINI SAN GIOVANNI DI PUEGNAGO

 

 

Dopo i laboratori per le scuole di San Felice del Benaco a maggio e l'inaugurazione ufficiale a fine giugno al Cinema Nuovo Eden di Brescia, entrano nel vivo Le Giornate del Filmfestival del Garda, il format con cui da tre anni si sono allargati e sviluppati i confini delle tematiche che hanno contraddistinto le prime edizioni.Venerdì 10 luglio si apre FFG versus EXPO con la già apprezzata rassegna Film andFood – Abbiamo il cinema in pancia, che abbina proiezioni con cene a tema. Il primo appuntamento è alla Cantina Pasini San Giovanni in via Videlle 2 a Raffa di Puegnago(per info e prenotazioni 340.3913110, costo 20 euro) con la proiezione de ll sale della terra (2014) di Wim Wenders. La pellicola è ispirata alla potenza lirica della fotografia diSebatiao Salgado e il risultato è un documentario monumentale, che traccia il percorso artistico e umano del fotografo brasiliano. Un film appassionante e di lancinante bellezza,una riflessione sulla condizione umana.Prima della proiezione, alle 20.30 ci sarà l'aperitivo. A seguire alle 21.30 il film. Il prossimo appuntamento sarà venerdì 17, sempre con la rassegna FFG versus Expo,quando sarà proiettato The hundred-foot journey – Amore, cucina e curry di LasseHallstrom all'Hotel Belvedere in via Ungaretti 2 a Manerba.Le proiezioni del #FFG15 sono a ingresso gratuito, tranne la rassegna Film and Food (20euro l'apericinema alla Cantina Pasini San Giovanni e all'Hotel Laurin, 30 euro le proiezioni con cena all'Hotel Belvedere). Tutti i film sono in lingua originale con sottotitoli initaliano e in inglese.

 

IL SALE DELLA TERRA 1

 

 
PDF Stampa E-mail
Scritto da Cinit   
Venerdì 10 Luglio 2015 06:09

Disponibile il numero 30 dei diari di Cineclub

 

 

Copertina DdC n. 30

 
PDF Stampa E-mail
Scritto da Cinit   
Venerdì 10 Luglio 2015 05:56

E’ USCITO IL N. 179 DI CABIRIA STUDI DI CINEMA IL CUI LABORATORIO E’DEDICATO ALLA REALTA’ODIERNA DELL’ANIMAZIONE ITALIANA

 

Il magnifico découpage di Emanuele Luzzati che troviamo in copertina del fascicolo n. 179 di «Cabiria» non poteva introdurci meglio al contenuto del “Laboratorio”. Vi si parla, infatti, ancora dell’animazione italiana, ma questa volta, dopo i precursori e gli anni d’oro, siamo ai nostri giorni. Dagli artisti Neopittorici che si sono dedicati al cartoon di cui si occupa Priscilla Mancini nel suo saggio (accompagnato da preziose illustrazioni a colori) passiamo al fenomeno internazionale delle “Winx” analizzato con acume da Emiliano Fasano; dall’ingresso prepotente delle serie animate giapponesi nei palinsesti italiani a partire dagli anni Settanta, con conseguenze importanti nella nostra cultura di massa, rievocato da Marco Pellitteri arriviamo ai maestri Gianini e Luzzati descritti da Giannalberto Bendazzi, senza dimenticare il maggior successo cinematografico dell’animazione italiana degli ultimi anni, La gabbianella e il gatto, esaminato da Giovanni Ricci in confronto al bestseller di Sepulveda.Abbiamo poi tre nomi di registi da approfondire: Ulrich Seidl, Georgij Danelija e Lindsay Anderson. Sono quelli a cui vengono dedicate le sezioni di “Analisi” grazie ai saggi di Davide Zordan, Massimo Tria e Marco Duse. Tre occasioni per ripensare il cinema d’autore europeo di ieri e di oggi.Infine due film di cui si è molto discusso: il Leone d’Oro 2014 a Venezia e la Palma d’Oro mancata 2015 a Cannes. In “Cineforum” troviamo gli interventi di Massimo Nardin su Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza, di Roy Andersson, e su Mia madre di Nanni moretti da parte di Marco Vanelli. Ad arricchire il fascicolo, una sezione sui flani di film italiani patriottici realizzati durante la Grande Guerra e la consueta rubrica di canzoni dedicate ai film, “Groovy Movies”, a cura di Alberto Anile.

 

 

cabiria 179

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 118